NEWS

DALLA PREALPINA DEL 23 GENNAIO 2015 - ARRIVA PEDEMONTANA MA I CONTI NON TORNANO

UN BUCO... D'ASFALTO


I conti però non tornano e, secondo Legambiente Lombardia, la Regione dovrebbe rivederele prioritàanche perché, secondo il Pef (piano economico finanziario) approvato dal Cipe, Pedemontana deve essereconclusa nel 2018. Missione impossibile
Dario Balotta, esponente regionale del Cigno verde fa i conti con documenti e numeri alla mano: «Finanziariamente Autostrada Pedemontana Lombarda non sta in piedi e durante l'inaugurazione sarebbe il caso che rendessero pubblici i conti a partire dai 4 miliardi cento milioni di euro dell'opera a cui devono essere sommati Iva e interessi bancari che la fanno lievitare a quasi 6 miliardi di euro». Spiega Balotta: «Credo che sia il caso di spiegare che il finanziamento pubblico di un miliardo 250 milioni di euro è già stato speso, così come i 370 milioni di euro ottenuti grazie alla defiscalizzazione. Inoltre a marzo scadrà anche ilprestito ponte delle banche mentre non è mai stato effettuato un aumento di capitale sociale che risulta essere stato speso. Quindi per continuare i lavori Pedemontana dovrebbe dichiarare dove reperirà i fondi, dato che l'unico vero modo sarebbe stato quello di far pagare il pedaggio». 
E il pedaggio dell'autostrada per tutto il 2015, anno di Expo, sarà gratuito
«Un errore strategico perché Pedemontana ha bisogno degli introiti del pedaggio per sopravvivere: anche perché con l'inagurazione ci sono spese fisse da sostenere che ammontano a 15 milioni di euro l'anno». 
Numeri e dati precisi quelli snocciolati da Balotta che sottolinea: «Lasciamo anche perdere il tema ambientaleche, neppure a dirlo, mi sta a cuore. Facciamo un ragionamento finanziario: Pedemontana non ha una sostenibilità economica in questo momento. Anche perché rispetto al 2009 il numero di auto che dovrebbe passare ogni giorno sull'autostrada è già sceso del 40 per cento. Parliamoci chiaro: si teme un effettoBreBeMi, ovvero l'autostrada deserta. Già sappiamo che metà dei nostri camion viaggiano vuoti, non è dunque sostenibile che si rafforzi il sistema viario su strada». 
Secondo Balotta il governatore Roberto Maroni reperirà i fondi per finanziare Pedemontana dai tagli al trasporto ferroviario e locale: «Si tratta di 50 milioni di euro che pagheranno i 200mila pendolari lombardi - conclude -. Non voglio mettere in croce nessuno, ma invito Maroni alla riflessione, invertendo la rotta». 

© Riproduzione riservata

 

di Veronica Deriu [ 23 gennaio 2015 ]

Cipta ONLUS - Associazione per l'Ambiente Indirizzo: via Montegrappa, 9 - 21055 Gorla Minore (VA) Telefono: 333 5278862 E-mail: [email protected] Comune: GORLA MINORE

Please publish modules in offcanvas position.